LA SORELLA DI MIA MOGLIE - parte 2

LA SORELLA DI MIA MOGLIE - parte 2 Mi ha preso la mano guidandomi in camera sua, poi ha chiuso la porta a chiave. Si è tolta l'asciugatoio ed è rimasta in piedi di fronte a me, nuda ed in silenzio. Si stava offrendo a me spontaneamente, come se volesse provare le stesse emozioni, lo stesso piacere della sorella. Il mio pesce ha risposto immediatamente, ho dovuto togliere calzoni e mutande in fretta, prima che esplodesse. Lei lo fissava con desiderio, ma restava immobile. Allora ho messo le braccia intorno alla sua vita e l'ho baciata appoggiando il cazzo duro sul suo ventre. L'ho spinta delicatamente sul bordo del letto, mi sono chinato e le ho aperto le gambe. Ho annusato e leccato a lungo le grandi e piccole labbra, il clitoride e la vagina di quella di quella vulva calda e senza peli. Lei cercava di soffocare i gemiti per non fare troppo rumore finchè, ad un tratto, ha emesso un grido più forte e mi ha imprigionato la testa fra le gambe incrociate. Tremava e sussultava sotto i colpi della mia lingua, ed ha raggiunto 2-3 orgasmi consecutivi. Poi, lentamente, ha rilassato i muscoli, io mi sono liberato dalla morsa e mi sono steso accanto a lei. Dopo aver recuperato un battito cardiaco normale, Nunzia mi ha baciato ed ha preso in mano il mio pesce sempre rigido e vigile, improvvisando una maldestra sega. Era davvero imbranata ma, per me, questo la rendeva ancora più sexy. Mentre palpavo e succhiavo se sue grosse mammelle, sentivo che, continuando così, non sarei durato molto. Così le ho chiesto di mettersi di nuovo a gambe divaricate e le ho infilato subito il cazzo dentro la figa rossa e dilatata. Ho scelto la posizione classica per due motivi: primo perchè stavo arrivando al traguardo, e secondo perchè non volevo fare la figura del porco. Ho cominciato a scoparla violentemente, facendo qualche sosta solo per roteare il pesce toccando i punti G, H, I ed L (sto scherzando). Al contrario della stimolazione clitoridea, come molte donne con la penetrazione faceva fatica a venire, ma io ero al limite. Del resto, aveva già goduto 2-3 volte e adesso toccava a me. Sapevo che non usava la pillola o qualcos'altro, perciò ho tirato fuori il cazzo e le ho spruzzato lo sperma sulle tette e sulla pancia. Tenendoci per mano, siamo rimasti l'uno accanto all'altra sul letto per un po', ci siamo baciati e salutati senza darci nessun appuntamento, nessun impegno. Io sono sceso di sotto per controllare e Bianca dormiva ancora profondamente. L'ho coperta con un panno e sono tornato al primo piano. Un veloce bidet e poi a nanna. Domenica sera, abbiamo accompagnato Nunzia a prendere il treno e siamo tornati a casa. Appena chiusa la porta, ho cominciato a baciare e toccare mia moglie. Abbiamo fatto sesso direttamente sul divano e, mentre la montavo, ho chiuso gli occhi pensando di scopare sua sorella. FINE

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!